UN COMUNE TRASPARENTE E PARTECIPATO

È necessario migliorare la macchina amministrativa, anche attraverso un monitoraggio continuo degli obiettivi raggiunti e delle attività svolte dagli uffici, e valutarne l’efficienza misurando il grado di soddisfazione degli utenti. Con cadenza mensile si renderà conto ai cittadini attraverso il sito istituzionale e i social network di tutte le attività intraprese o realizzate. Per una maggiore efficienza, è opportuna la revisione della Carta dei Servizi e dei regolamenti comunali con precise procedure, sia nelle modalità che nei tempi, per il rilascio delle concessioni edilizie e di altre autorizzazioni comunali come anche per la predisposizione degli atti amministrativi, soprattutto nel settore urbanistico e dei lavori pubblici, il tutto improntato in un’ottica di massima trasparenza. La nostra idea è, poi, di prevedere forme di partecipazione e coinvolgimento dei cittadini sulle decisioni relative alla formazione del Bilancio e della progettazione delle opere pubbliche. Partecipazione che può avvenire, come già detto, anche attraverso i social network e il sito istituzionale. Il bilancio deve essere trasparente, comprensibile e accessibile ai cittadini anche con apposite iniziative di informazione e discussione aperta. Sia per la trasparenza che per la partecipazione, è prevista l’istituzione di una linea diretta con l’Amministrazione comunale, telefonica e telematica. Obiettivo finale è assicurare una maggiore efficienza dei servizi, eliminare spese inutili e sprechi, garantire trasparenza e rotazione effettiva in materia di appalti e affidamento di lavori cc.dd. “sotto-soglia”, perseguire una politica di equità fiscale che combatta l’evasione, ma che salvaguardi le famiglie con redditi bassi. Importante, poi, la ricerca di soggetti privati che possano essere interessati a realizzare e gestire opere di interesse pubblico (project financing) e promuovere la partecipazione agli strumenti della programmazione negoziata. Inoltre, come già accade in altre città italiane, e tra queste Firenze, pensiamo alla possibilità di richiedere e stampare presso le edicole cittadine e le tabaccherie alcuni documenti solitamente rilasciati presso l’Ufficio Anagrafe. Un sistema per snellire file inutili, ridurre il carico di lavoro degli uffici comunali, rendere un servizio in più ai cittadini soprattutto nelle aree periferiche, e al tempo stesso dare un’opportunità in più di lavoro agli edicolanti e alle tabaccherie.

VAI AL PROGRAMMA
Torna su